Luciano Fabro – Didactica Magna Minima Moralia

fabro.jpg

E’ la nuova mostra inaugurata al Madre di Napoli, sabato 20 Ottobre.
Il testamento artistico dell’artista, morto quattro mesi fa, mentre già si pensava alla mostra napoletana e i lavori erano in corso.
L’allestimento ha tenuto conto per quanto possibile della volontà dell’artista, grazie all’attenzione della figlia Silvia Fabro che ha curato la mostra assieme a Rudi Fuchs.
L’attenzione della rassegna si concentra sugli esordi dell’attività di Fabro, gli anni compresi tra il ’63 e il ’68.
Vengono presentati lavori, in cui stupisce l’incredibile eleganza di “sculture” che disegnano lo spazio attraverso linee che risentono della forza della gravità, che si piegano flessuose e indagano rapporti e proporzioni tra le cose.


Sono opere come Raccordo Anulare, tubi metallici, materiali poveri utilizzati dall’artista, si flettono in maniera diversa alla forza di gravità, opponendo due ciconferenze proporzionate l’una sulla ciconferenza delle braccia e l’altra su quella delle dita posizionate a disegnare un cerchio.
“Questi lavori sono un manuale di movimenti di materia nello spazio” commenta Fuchs.
Sculture anti-monumentali. Vengono indagati i rapporti percettivi, lo spettatore è direttamente chiamato in causa come era d’obbligo in quegli anni.
In In Cubo il fruitore è invitato a sollevare la struttura (un cubo bianco) e a provare ad abitarla sperimentandone la dimensione, il rapporto con la materia, con il colore bianco, con la solitudine.
Il Museo ospita nella sua collezione permanente una sala dedicata all’artista, in cui il tono dei lavori è però molto diverso, interessante può essere il confronto…

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...